Proroga del comune a poco più di un'ora dal bando

L'indignazione degli operatori

| di AGIS SARDEGNA
| Categoria: Comunicati Stampa
STAMPA

La decisione dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Cagliari di prorogare i termini del bando dei contributi per le attività culturali e di spettacolo, assunta con Determinazione Dirigenziale, alle ore 10:36, del 24 marzo 2014, ad appena un’ora e 24 minuti dalla scadenza del medesimo, ha provocato una vera e propria ondata di indignazione da parte degli operatori culturali che si sono prodigati per presentare le domande entro il termine delle ore 12, definito “perentorio” della giornata di ieri, 24 marzo.

Il provvedimento recita letteralmente: “Considerato che è stata segnalata, da parte di operatori del settore, l’esigenza di disporre di un limitato tempo ulteriore per la predisposizione delle domande di contributo; ritenuto di poter accogliere le richieste avanzate... anche in considerazione del fatto che una proroga dei termini di scadenza, per un tempo limitato, non comporta un significativo allungamento dei tempi complessivi di conclusione del procedimento...“.

E’ evidente che esso è del tutto privo di motivazioni urgenti e suscita pesanti dubbi sul piano della opportunità, della legalità, del rispetto della “par condicio” e dei principi di trasparenza cui è obbligata l’Amministrazione Pubblica.

Per fugare ogni dubbio si ritiene necessario che l’A.C. risponda con urgenza ai seguenti interrogativi:
    •    quali sono state le “richieste avanzate da parte di operatori del settore”
    •    in che data e in quale forma le stesse sono state inoltrate all’Amministrazione Comunale;
    •    quali sono i motivi addotti a giustificazione di tali richieste.

AGIS SARDEGNA

Contatti

redazione@cagliariquotidiano.net
redazione@cagliariquotidiano.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK