Porto di Cagliari, attività e progetti per il futuro del polo crocieristico

Presentati i dati dell'attività portuale degli ultimi anni e i piani di sviluppo

| di Marco Scotto
| Categoria: Cronaca
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Si è svolta questa mattina, presso il terminal crociere del molo Ichnusa, la conferenza stampa "Cagliari destinazione crociere: risultati e prospettive" nella quale sono stati illustrati sia i dati di crescita dell'attività crocieristica degli ultimi dieci anni, sia i progetti per l'immediato futuro.

Numeri importanti se si considera che l'attività crocieristica è passata dalle 28 toccate e 47 mila passeggeri del 2004 alle 97 toccate e i quasi 267 mila passeggeri del 2015.

Si è parlato anche del futuro del Porto di Cagliari e l'illustrazione del progetto di creazione del nuovo terminal crociere che sorgerà nel molo Rinascita. Nel nuovo terminal, secondo i progetti, verranno dislocate le attività di controllo di imbarco e sbarco dei passeggeri e dei bagagli; una sala di attesa attrezzata; gli uffici dell'Agenzia delle Dogane e della security nonchè un punto di appoggio per i tour operator.

Nell'area esterna troveranno invece posto un'area parcheggi per i bus turistici e per le autovetture dei crocieristi.

L'area complessiva della nuova struttura è pari a 10 mila metri quadrati.

L'investimento finanziario, pari a 800 mila euro sarà coperto in parte con risorse della società, più un contributo del Banco di Sardegnae un finanziamento a valere sul fondo Jessica (BEI).

I lavori per la realizzazione del nuovo terminal sono iniziati il 14 dicembre 2015 e dovrebbero concludersi entro l'estate.

E' stato inoltre pubblicato il calendario degli attracchi per il 2016 (consultabile a questo indirizzo: http://www.cagliaricruiseport.it/static/download/CalendarioCrociere2016.pdf) che prevede un ulteriore incremento di attracchi e passeggeri.

Altro obbiettivo dichiarato è quello di far si che il Porto di Cagliari diventi anche un punto di imbarco per le crociere nel Mediterraneo e di diventare punto di appoggio per compagnie straniere che attualmente fanno partire le crociere con destinazione mar Mediterraneo da porti della Gran Bretagna.

Ultimo, ma non meno importante obbiettivo, è quello di sfruttare al massimo le potenzialità derivanti dalla vicinanza con l'aeroporto.

 

Marco Scotto

Contatti

redazione@cagliariquotidiano.net
redazione@cagliariquotidiano.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK