Telecom, in Sardegna a rischio 400 posti di lavoro

Protestano i sindacati a Cagliari e a Sassari: manca un piano industriale. L'azienda: riconversione necessaria

| di Laura Casu
| Categoria: Economia
STAMPA

Proteste alla Telecom di via Calamattia a Cagliari: non c’è piano industriale e sono a rischio duecento posti. Almeno, questo sostengono i sindacati, secondo cui “su 800 dipendenti in Sardegna il 60% dei 400 tecnici e progettisti rischiano il licenziamento a causa delle intenzioni dell’azienda di far accedere altri operatori telefonici alla rete Telecom”.

Non convincono i sindacati le rassicurazioni della dirigenza che nega i tagli e propone “una riqualificazione professionale dei lavoratori necessaria a causa  della modifica  delle condizioni di mercato in cui l’azienda si trova ad operare rispetto agli accordi presi nel 2008”.

Un’identica protesta è stata annunciata per oggi dai dipendenti di Sassari di fronte alla Prefettura: anche per loro si profila il rischio licenziamento.

Laura Casu

Contatti

redazione@cagliariquotidiano.net
redazione@cagliariquotidiano.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK