Partecipa a CagliariQuotidiano.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Lopez che dici? Il mister si arrampica sugli specchi

Condividi su:

Al termine della gara contro la Lazio, il mister cagliaritano arriva in conferenza stampa visibilmente scontento. Tuttavia, anziché dire le cose come stanno, in maniera obiettiva, semplice ed evidente, questa volta Lopez, gira intorno al problema. Abbiamo visto tutti la partita e abbiamo visto come il Cagliari non sia stato capace di vincere la gara già nel primo tempo, quando la Lazio pareva non essere proprio in partita, sbagliava le cose più semplici, non tirava in porta, era intimorita dalla contestazione del pubblico che si è trasformata in un gigantesco boato di fischi al termine della prima frazione di gioco. Il Cagliari non sa passare in vantaggio, così pare. Il Cagliari di ieri sembrava messo in campo con l’obiettivo di portare a casa il pareggio e provare, con scarsa convinzione, la via del gol cercando la velocità di Ibarbo: la giocata del singolo insomma, non la manovra corale.
E poco importa se poi si dice che nel primo tempo abbiamo dominato. Tutto vero, ma senza mai essere davvero pericolosi, e soprattutto, contro la Lazio di ieri, senza riuscire a segnare neppure un gol. Poi certo, il loro vantaggio ad inizio ripresa con il Cagliari che sembrava rimasto negli spogliatoi, certo la bravura di Klose, il rigore generosamente concesso dall’arbitro. Tutto vero, un uno due micidiale che non può però diventare un alibi alla sconfitta. Ecco perché stonano le parole di Lopez di ieri in conferenza stampa:

 


"Abbiamo fatto una buona partita soprattutto nel primo tempo", ha detto l'allenatore rossoblù al termine della partita, "abbiamo creato molto, siamo riusciti a ripartire, proprio come volevamo. Loro ci hanno lasciato spazi, ma non siamo riusciti a segnare. Poi ci hanno fatto due gol. Il rigore ci ha fatto male, dopo non siamo riusciti a rientrare in partita. Ci è mancato solo il gol. Klose ha cambiato la partita".

 


Cossu è entrato troppo tardi? “È un giocatore importante, ma dobbiamo dosare le forze, fargli fare tre partite in una settimana è difficile visto che è appena rientrato da un infortunio. Ora pensiamo alla partita contro il Bologna". E Pinilla? "Anche per lui dobbiamo pensare che abbiamo tante partite da giocare".

 


A chi gli fa notare che il Cagliari ha fatto pochi punti in trasferta Lopez risponde:

 


"Noi possiamo far male sia in casa che fuori casa. Oggi abbiamo fatto una buona gara, ma gli episodi sono stati contro di noi. Questo è il calcio".       http://blogcagliaricalcio1920.blogspot.it/

Condividi su:

Seguici su Facebook