La depressione e i sintomi per riconoscerla

In allegato la tabella con i sintomi spia

| di Elisabetta Gasperini
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Depressione: cause e soluzioni
Tecnicamente la depressione è uno stato caratterizzato da abbassamento del tono dell’umore, abbattimento, prostrazione fisica e psichica.
Tutte le persone hanno dei momenti in cui l’umore è migliore ed altri in cui è invece più basso, ma nel caso della depressione questo ciclo viene a mancare e l’umore mantiene un tono basso per la gran parte del tempo.
Oltre all’abbassamento dell’umore ci sono diversi altri sintomi, di natura sia fisica che psicologica. Nella tabella in foto sono riportati quelli principali.
Quando almeno quattro di questi sintomi si presentano per un periodo superiore alle due settimane si parla di un problema di depressione grave, detto Disturbo depressivo maggiore, ma possiamo anche avere dei casi in cui il problema è più lieve, o ha una durata diversa.
Quali sono le cause?
Oggi si ritiene che la depressione abbia sia una base fisica (squilibri a livello fisiologico) che una psicologica. E’ stato rilevato, però, che alcune situazioni possono provocarla: un cambiamento nel ruolo sociale (ad esempio il pensionamento, una gravidanza o un divorzio), una perdita (come una separazione, un lutto, la perdita del lavoro), l’aver subito violenze o abusi fisici o psicologici, o il vivere un periodo di sovraccarico fisico o emotivo. Quindi a volte la causa risiede nella vita di ogni giorno e nelle difficoltà ad affrontarla.
Cosa si può fare?
La cosa migliore da fare è chiedere aiuto. Il percorso di consulenza psicologica o psicoterapia è la base per risolvere il problema alla radice, affrontare le cause della depressione e superarle. Molte persone usano solamente farmaci anti-depressivi, rivolgendosi al Medico generico o ad uno Psichiatra. Spesso però questo non è sufficiente, se non c’è un lavoro sulle cause del problema.
Questo non significa che la cura con i farmaci non sia utile, anzi in molti casi è importante affiancare il lavoro con lo Psicologo alla cura con i farmaci antidepressivi, sotto la supervisione di un Medico Psichiatra. In particolare se si presentano pensieri di morte, ritmo sonno-veglia o appetito alterati (cioè dormire troppo o troppo poco rispetto al solito, o avere troppa fame o troppo poca rispetto al solito) o problemi gravi dal punto di vista delle relazioni sociali (ad esempio avere difficoltà ad uscire di casa per andare a fare la spesa o a lavorare o per incontrare delle persone).
E’ però fondamentale risolvere le cause che hanno portato alla depressione, altrimenti questa potrà ripresentarsi.
Come si lavora sulla depressione nella consulenza psicologica?
Al di là delle cause, diverse per ognuno, ci sono alcuni problemi che spesso sono comuni alle persone che soffrono di una depressione e su cui è importante lavorare.
Questi sono sensazioni di inadeguatezza (io non valgo nulla, io non vado bene ecc.), di indegnità (io sono una brutta persona, non ho il diritto di fare o di chiedere una certa cosa ecc.), di colpa (le cose vanno male per colpa mia, sono una persona cattiva, se non riesco a reagire è perché non ho forza di volontà ecc.), di mancanza di controllo sulla propria vita e di mancanza di efficacia personale (non riuscirò mai a fare nulla, non riuscirò a fare quello che vorrei, non sono abbastanza bravo ecc.).
Quando si lavora su questi problemi e sul rapporto con le emozioni allora il problema della depressione si può superare. E’ importante anche lavorare per  sviluppare maggiore consapevolezza di sé.
In conclusione, dunque, la cosa più importante da fare per superare la depressione è chiedere ed accettare aiuto. Fare un lavoro completo, che vada alla sua causa profonda, per ottenere una soluzione duratura. Recuperare il contatto con se stessi, con le altre persone e con la propria vita.

Elisabetta Gasperini

Contatti

redazione@cagliariquotidiano.net
redazione@cagliariquotidiano.net
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK